Santa Teresa di Gallura

Santa Teresa di Gallura

Santa Teresa di Gallura (Lungòni in gallurese, Lungone in sardo, Lungùn in bonifacino, Lùngoni o Santa Tiresa in corso) è un comune italiano di 5.211 abitanti della provincia di Olbia-Tempio.

Il paese si snoda su un promontorio che guarda a Nord la costa meridionale della Corsica da cui è separata dalle Bocche di Bonifacio, distante appena 11 miglia da Capo Pertusato, a Nord-Est l’arcipelago della Maddalena, e ad ovest si affaccia sul Mar di Sardegna.

Meta turistica molto ambita, l’economia del borgo è fondata sulla forte presenza turistica, italiana e straniera. Il porto, che ha acquistato importanza diportistica ma ha di fatto perso la connotazione frontaliera con i trattati di libero scambio europei, assicura con collegamenti giornalieri i traffici turistici e merci per Bonifacio in Corsica.

Santa Teresa Gallura. (2 giugno 2015). Wikipedia, L’enciclopedia libera. Tratto il 10 luglio 2015, 07:10 da it.wikipedia.org

Immagine Santa Teresa di Gallura | Meteo System

La Maddalena – Vista Isola Santo Stefano

La Maddalena - Vista Isola Santo Stefano

Santo Stefano (in sardo Sàntu Istèvene) è un’isola dell’arcipelago di La Maddalena nella Sardegna nord-orientale.
L’isola è proprietà privata, ad eccezione del versante orientale su cui insistono insediamenti della Marina Militare italiana.

L’isola ha una superficie di 3 km² e la cima più alta, il monte Zucchero, raggiunge una quota di 101 m. Per superficie è la quarta isola dell’arcipelago ed è situata a metà strada fra Palau e La Maddalena da cui dista circa 1500 metri.
Di formazione granitica di colore rosa e bianco, si affaccia su un mare color smeraldo, specie sul versante meridionale prospiciente a capo d’Orso.

Nella parte alta dell’isola sorge il forte San Giorgio, costruito nel 1773, chiamato comunemente “forte di Napoleone” in quanto, durante il famoso attacco all’arcipelago del 23 febbraio 1793, Buonaparte, allora tenente colonnello di artiglieria, se ne impossessò e da lì bersagliò il centro di La Maddalena, ma fu costretto a fuggire dalla pronta manovra di Domenico Millelire.

Nella cala di Villamarina, in una vecchia cava di granito abbandonata, si può vedere il busto di una enorme statua incompiuta di Costanzo Ciano, commissionata da Mussolini allo scultore Arturo Dazzi per il mausoleo dello stesso Ciano presso Livorno.

Nel 1972, il governo Andreotti concesse agli USA di impiegare una zona della base navale della Marina Militare situata nella parte orientale dell’isola per ospitarvi una base militare navale di appoggio per sommergibili a propulsione nucleare che è stata dismessa il 25 gennaio 2008.

Isola Santo Stefano. (15 giugno 2017). Wikipedia, L’enciclopedia libera. Tratto il 30 giugno 2017, 14:18 da it.wikipedia.org

Immagine | Stetel