Isola d’Elba – Golfo di Lacona

Isola d'Elba - Golfo di Lacona

Isola d'Elba - Golfo di Lacona

Lacona è l’unica frazione di Capoliveri, ed una delle maggiori località turistiche dell’isola d’Elba.

Il toponimo Lacona deriva dal latino lacuna («laguna») in riferimento al vasto golfo dalle basse acque che contraddistingue la località. Altre etimologie proposte in passato collegavano il nome della località ad un presunto toponimo etrusco Acona o al greco εἰκών (eikōn), nel senso di «edificio con immagine sacra».

Frequentata sin dal Paleolitico medio e superiore, come dimostrano rinvenimenti di numerosi strumenti litici, l’area di Lacona conserva testimonianze dell’età tardoellenistica come una sepoltura rinvenuta nel 1961 in località Caubbio e datata all’ultimo quarto del II secolo a.C.; il materiale di corredo funebre, oggi conservato presso il Museo archeologico di Portoferraio, comprendeva vasi a vernice nera e d’impasto, insieme ad una lucerna e ad un unguentario. L’archeologo Giorgio Monaco, nel 1962, in località Valle dell’Inferno rinvenne i resti di un presunto insediamento protostorico «di età bronzo-ferro, ma di aspetto e ambiente litico attardato. Sono evidenti le cinte murarie difensive e l’impianto stradale dell’abitato, pur rimaneggiato successivamente. Si è trovato materiale di selce e ceramica dell’età bronzo-ferro.» A Lacona si trova il piccolo Santuario della Madonna della Neve, nato come chiesa rurale durante il XII secolo.

Lacona. (9 febbraio 2016). Wikipedia, L’enciclopedia libera. Tratto il 2 marzo 2016, 11:01 da it.wikipedia.org

Immagine | Camping Laconella

Fetovaia – Isola d’Elba

Fetovaia - Isola d'Elba

Fetovaia - Isola d'Elba

Fetovaia - Isola d'Elba

La spiaggia di Fetovaia è una spiaggia dell’isola d’Elba che si trova nel versante sud-occidentale dell’isola. È ritenuta una delle spiagge più belle dell’isola.

La spiaggia è protetta da uno stretto promontorio ricoperto di ginestre, lecci, e alti cespugli tipici della macchia mediterranea. Questo permette di avere alla baia un’acqua calma e dai colori cristallini, il che la fa molto apprezzata dai velisti che qui riparano con le proprie barche a vela e dai bagnanti che ne apprezzano la bellezza.

La spiaggia è caratterizzata da un fondo formato da fine sabbia bianca, cosa che contribuisce la baia ad avere colorazioni turchesi, e si estende per circa 200 metri. D’estate parte della spiaggia è attrezzata con ombrelloni e lettini, parte è invece libera.

Alle spalle della spiaggia salgono verso il Monte Capanne strette ed aspre valli. Anche qui la vegetazione è formata da piante basse tipiche dell’ambiente mediterraneo secco; ciò è tra l’altro dovuto all’orientamento a sudovest e all’esposizione al vento di libeccio. Inoltre il Monte Capanne è in grado di fermare parte delle perturbazioni nuvolose provenienti da nord che portano piogge, cosicché il clima del versante sud-occidentale sia molto più secco del versante settentrionale.

Nel 1825, su progetto di Luigi Bettarini, fu edificato un posto di guardia a breve distanza dal promontorio, oggi trasformato in abitazione privata. Dietro la spiaggia, lungo la stretta vale che sale sul Monte Capanne, si estende un piccolo abitato per lo più dedicato alle strutture ricettive turistiche. Infatti non lo si può considerare una vera e propria frazione del comune di Campo nell’Elba, dal momento che non risulta nell’elenco delle frazioni.

Spiaggia di Fetovaia. (9 aprile 2014). Wikipedia, L’enciclopedia libera. Tratto il 4 agosto 2015, 07:25 da it.wikipedia.org

Immagini
Bagni Barbatoja
Hotel Alma

Salivoli – Piombino – Vista sull’Isola d’Elba

Salivoli - Piombino - Vista sull'Isola d'Elba

Salìvoli è un quartiere della Città di Piombino, appartenente alla II Circoscrizione Falcone-Montemazzano situato a nord-ovest del centro di Piombino, nell’omonimo territorio comunale a sud di Punta Falcone.

È un quartiere completamente moderno, caratterizzato principalmente da edilizia bassa e residenziale (fatta eccezione la località Calamoresca dove è presente un centro commerciale inserito in un contesto di grossi condomini fino a dieci piani). Sono presenti negozi principalmente nella zona del porto di Marina di Salivoli e sul lungomare Marconi.

Fin dall’epoca medievale, lungo la spiaggia di Salivoli si trovavano alcune saline (in tardo latino salinulae, da cui il toponimo) e, nei terreni retrostanti, alcuni mulini a vento. All’estremità occidentale della spiaggia si trova una erta formazione rocciosa chiamata Scoglio d’Orlando. Agli inizi del secolo scorso è stata la prima spiaggia attrezzata di Piombino con i caratteristici Bagnetti, cabine su palafitte e nel dopoguerra con il Nastro Azzurro. È l’unica spiaggia sabbiosa all’interno del territorio urbano della città di Piombino, visto che la città e le sue coste urbane sono caratterizzate da scogliere.

Diaccioni, o Ghiaccioni, è una località facente parte del quartiere dalla quale si può raggiungere, attraverso una serie di sentieri Populonia. Prende il suo nome forse dalla parola latina iaceo che significa giacere; era un luogo dove i pastori radunavano le bestie per far trascorrere loro la notte (addiaccio).

Gli anni novanta del XX secolo hanno visto la trasformazione del toponimo in un’errata interpretazione dello stesso, facendo sì che la località venisse rinominata “Ghiaccioni”, confondendo il reale significato associandolo ad un altro sbagliato ovvero quello del freddo.

Da prima questa località divenne il cosiddetto “dormitorio della città” negli anni sessanta-settanta del Novecento; la costruzione fu agevolata per i dipendenti dell’Acciaieria Lucchini (allora Italsider), per far sì che gli operai fossero distaccati dalla realtà della fabbrica. Gli ultimi anni hanno visto la Località allontanarsi dal principio iniziale e trasformarsi in una zona sempre più residenziale.

La zona comprende la scuola elementare dei Diaccioni e la chiesa della Madonna di Montenero.

Salivoli. (6 febbraio 2017). Wikipedia, L’enciclopedia libera. Tratto il 14 aprile 2017, 08:58 da it.wikipedia.org

Immagine Salivoli | Meteosalivoli.it